Orecchini Kimono, in carta origami

Il tris di orecchini kimono, in carta origami, è nato dal desiderio di avere degli orecchini dalla forma allungata che richiamino il Giappone. Per questo sono partita dal kimono, che tutti conoscono, come l’indumento tradizionale giapponese costume nazionale del Paese del Sol levante. La storia del kimono, come per tutte le cose giapponesi, è ricca, profonda e mai banale.

Se in origine il termine kimono veniva usato per ogni tipo di abito in seguito è passato a indicare specificamente un indumento dalle linee dritte, che arriva fino alle caviglie, con collo e maniche lunghe. Le maniche solitamente sono molto ampie all’altezza dei polsi. Inutile dire che si tratta di abiti bellissimi, dai colori e dai disegni stupefacenti.

Cosi nasce l’idea dei miei orecchini origami, da quattro minuscoli fogli di carta chiyogami che formano i piccoli abiti tradizionali. Alla sommità ho inserito una perlina abbinata al colore della carta. La perlina dona un leggero sostegno anche all’orecchino stesso.

Mentre ritagliavo la carta mi è andato l’occhio nella scatola che contiene la matita e la colla e ho guardato con occhi diversi le piccole sfere in legno che avevo utilizzato per altri progetti. E’ nato cosi il terzo orecchino: può essere indossato sia come terzo che come secondo per chi ha solo un foro ad orecchio. In tante infatti mi avete chiesto perché tre orecchini, e tutte avete apprezzato molto l’idea.

Chi ha detto che gli orecchini si comprano al paio…?

Per decorare  le sfere ho utilizzato un altro tipo di foglio; si tratta della doratura con foglia similoro che necessita di tutt’altro tipo di lavorazione. Sono due strati di prodotto trasparente, e uno strato di foglia similoro.

Tutti insieme formano queste belle e splendenti creazioni che sono fatte con estrema pazienza e molto divertimento. Spero vi piacciano!